Asportazione nei: GUIDA 2021 alla rimozione nei

Indice

 Asportazione nei: è una pratica davvero necessaria per prevenire sei malanni alla salute ma che può anche rendere timorosi se non si conosce a fondo la tematica. 


Ecco perchè abbiamo deciso di creare una mini guida 2021 che spiega come si asporta un neo, approfondendo la tecnica meno invasiva di tuttte: la rimozione neo laser .

nei (o nevi in linguaggio medico) sono lesioni pigmentate della cute derivanti da un’anomala e circoscritta proliferazione dei melanociti, le cellule che producono la melanina, che possono insorgere in qualsiasi area cutanea.

Possono essere presenti dalla nascita (nevi congeniti) o acquisiti durante la pubertà o in età adulta e di solito appaiono come macchie di colore più o meno scuro, di forma tondeggiante, talvolta in rilievo e provviste di peli.

Nella maggior parte dei casi i nei sono di natura benigna, tuttavia alcuni di essi possono degenerare in tumori, come il melanoma.

Per queste ragioni, se un neo cambia di forma o aumenta di dimensioni, è meglio sottoporsi a una visita dermatologica per valutare il grado di atipia e decidere se è il caso procedere con l’asportazione nei laser.

Perché asportare nei? A che età?

Un neo dall’aspetto insolito non è un tumore, ma la presenza di nevi irregolari può rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo del melanoma, un pericoloso cancro della pelle.

Pertanto se si hanno nei atipici gravi e una storia familiare di melanoma è bene farli rimuovere ed eseguire l’esame istologico della lesione asportata per la conferma di benignità.

Per rimuovere nei, ci si può sottoporre a questo tipo di intervento a qualsiasi età, compresa l’infanzia, sebbene sia sempre consigliabile valutare la reale necessità di sottoporre un bambino a un intervento chirurgico.

Quando è necessario togliere nei?

Visto che la maggior parte dei nevi cosiddetti atipici, cioè più grandi del normale e con bordi irregolari o di colore più scuro, non diventano un melanoma, l’asportazione non è la terapia standard.

La rimozione nei può rendersi necessaria quando vengono rilevati i segni del possibile sviluppo di un melanoma.

L’asportazione può essere giustificata anche da semplici ragioni estetiche o di comodità, per esempio perché il neo si trova in una zona molto visibile o in un punto in cui è sottoposto a continuo sfregamento.

Come riconoscere una situazione di pericolo per la salute?

segnali che possono indicare la trasformazione maligna di un neo sono il cambiamento di colore, la comparsa di prurito, dolore o sanguinamento spontaneo (non traumatico) e i margini che si fanno irregolari.

La diagnosi di atipia deve essere formulata dal dermatologo attraverso un esame clinico o dermatoscopico ma è anche possibile effettuare un auto-esame periodico dei nei seguendo la regola dell’ABCDE:

A come Asimmetria: il nervo cresce in modo irregolare, perciò anziché avere forma tondeggiante è formato da due metà diverse tra loro;
B come Bordi: presenza di contorni frastagliati (a carta geografica);
C come Colore: la lesione appare molto scura, nera o policroma, cioè formata da diverse tonalità;
D come Dimensioni: il neo ha un diametro superiore a 6 mm e con il tempo tende a diventare sempre più grande;
E come Evoluzione: le suddette caratteristiche evolvono rapidamente.

Quali rischi si corrono?

I nei atipici sono potenzialmente pericolosi perché alcuni di essi potrebbero trasformarsi in melanomi.

Il principale fattore di rischio per il melanoma è rappresentato dai raggi ultravioletti, ma è importante ricordare che può comparire anche nelle zone coperte.

Quale specialista si occupa dell’asportazione nei?

Soltanto il dermatologo è in grado di valutare la natura dei nevi e di porre l’indicazione per la loro asportazione.

Le lesioni che presentano un aspetto anomalo possono essere tenute sotto controllo attraverso la mappatura dei nei, una visita dermatologica durante la quale lo specialista osserva i nei sia clinicamente sia tramite dermatoscopia per poter intervenire tempestivamente qualora venissero rilevate delle problematiche.

Le lesioni a rischio vengono fotografate e monitorate nel tempo per controllare se cambiano aspetto.

nei pericolosi vengono indirizzati immediatamente al chirurgo per l’asportazione.

Tipologie di rimozione nei

L’asportazione dei nei viene effettuata attraverso tecniche differenti. Nello specifico, il neo considerato a rischio può essere rimosso tramite:

– intervento chirurgico: viene effettuato in anestesia locale e prevede la rimozione non solo del neo ma anche di una porzione di pelle che lo circonda;
– laser: distrugge le cellule del neo con il calore emanato e la fotocoagulazione;
– shaving: questa procedura è utile nel togliere nei sporgenti e consiste nell’asportare la parte che emerge con un procedimento simile alla rasatura mentre la parte rimasta viene livellata con il laser.

Rimozione neo con laser

La rimozione nei laser (o asportazione neo laser) consente di asportare i nei benigni in modo indolore e senza danneggiare i tessuti circostanti previa anestesia locale. I pazienti tendono a preferire questa tecnica perché è meno invasiva rispetto alla rimozione chirurgica e garantisce un risultato estetico migliore. Inoltre non necessita di sutura e non provoca cicatrici evidenti.

Togliere nei con laser presenta lo svantaggio di disintegrare totalmente il neo, precludendo la possibilità di eseguire l’esame istologico per escludere la presenza di tumori maligni.

Tale procedura non è pertanto indicata in caso di nei melanocitari, per i quali è più opportuno ricorrere al bisturi.

Quali sono i dubbi più comuni sulla rimozione nei

Il dubbio più comune sull’asportazione nei è se sia meglio toglierli o “lasciarli in pace” soprattutto se si tratta di un problema puramente estetico. L’indicazione all’intervento viene posta dal dermatologo, che valuterà caso per caso se e come procedere.

Rimozione Nei Costi

Sgombrati i dubbi circa la salute, rimane la questione del prezzo: laddove si ritenga necessaria la rimozione nei il costo si aggira intorno ai 200 euro ma se vuoi richiedere precisamente come risolvere la tua situazione puoi sentire il dermatologo  Dott. Virgilio De Bono, medico chirurgo specializzato in medicina generale che svolge la propria attività presso il centro DBN Medical Group in via Ripense 4 a Roma.

Grazie alla collaborazione con un team di specialisti che ha come obiettivo quello di garantire il benessere psico-fisico del paziente, DBN Medical Group è in grado di offrire una vasta gamma di trattamenti (medicina estetica, alimentazione, chirurgia mini invasiva, laser terapia) eseguiti con macchinari all’avanguardia frutto dei più recenti progressi in campo scientifico.

Per prenotare una visita dermatologica con il Dott. De Bono o per ricevere maggiori informazioni sull’asportazione dei nei si consiglia di visitare la sezione dedicata del sito web.